Blog navigation

Ultimi post

Il tappeto kilim: origini e tecniche

Il tappeto kilim, il cui nome deriva dal persiano "gelim", è comunemente chiamato "klim" in Tunisia e Marocco. È un tappeto la cui tecnica di fabbricazione è la tessitura su un telaio verticale.


Kilim tunisini - © Chwaya

Origini Kilim

Si ritiene che il kilim provenga dal Medio Oriente (Anatolia, Persia, Caucaso), ma questa tecnica si trova anche nel resto del mondo: nel Maghreb, in Europa centrale, in Scandinavia e persino in America Latina. Molte vestigia attestano che il kilim nacque quasi 10.000 anni fa, quando le pecore furono addomesticate.

A sinistra, negozio di kilim turchi e cretesi a Chania (Creta). A destra, kilim messicano. © Chwaya

In Tunisia

In Tunisia, i kilim sono tradizionalmente tessuti da nomadi del sud. Sono infatti facilmente trasportabili e servono a molteplici usi (lettiera di cammello, separazione in tenda, ecc.).


Caravan nella pianura di Sidi-Aïch - Charles Lalemant

Tuttavia, il kilim è diffuso in tutte le città e villaggi del sud della Tunisia e viene utilizzato principalmente come tappeto, ma anche come arazzo.

Stili e modelli in Tunisia

Ogni tribù o villaggio ha i propri stili e modelli, che conferiscono grande ricchezza ai tappeti tunisini. I motivi sono molto fitti e quindi più nitidi e meglio definiti rispetto ai tappeti annodati. Sono prevalentemente berberi e sempre geometrici, con triangoli e rombi che sono i più comuni. Ti permettono di giocare con i colori ed è per questo che i kilim sono spesso molto colorati.


Kilim tunisini - © Chwaya

Tessitura

La tessitura del kilim è ottenuta dall'intreccio di fili di ordito e fili di trama. L'artigiana stende prima i fili di ordito che determineranno la dimensione del tappeto, tutti distinti e paralleli tra loro per tutta la lunghezza. I fili di trama vengono quindi tessuti in larghezza, perpendicolarmente ai fili di ordito. Sono discontinui a seconda delle zone di colore; il tessitore quindi cambia colore non appena il disegno lo richiede.


Telaio tunisino, Museo del Sahara di Douz - © Yamen, CC BY-SA 3.0

Molto resistenti, i kilim hanno la particolarità di essere più leggeri dei tappeti annodati, il che consente una migliore manutenzione quotidiana. Né troppo sottili né troppo compatti, i kilim tunisini sono però più spessi di quelli del Medio Oriente.

Lascia un commento

Codice di sicurezza

Nuovo Registro conti

Already have an account?
Entra invece Oppure Resetta la password